Il fai-da-te consapevole

Stampa Crea Pdf Invia Rss

Di solito, quando si investono i risparmi si possono seguire tre strade: 

1) Chiedere consiglio alla banca o al promotore finanziario in cambio di commissioni sui prodotti che sono proposti e venduti;
2) Chiedere consiglio ad un consulente finanziario in cambio di una parcella (fee-only), eseguendo le operazioni consigliate tramite una banca in modalità execution only;
3) Scegliere da soli gli strumenti in cui investire, operando autonomamente (fai-da-te) tramite una banca (probabilmente online, e in regime di execution only).

Ogni soluzione ha ovviamente vantaggi e svantaggi. La maggior parte delle persone sente il bisogno di un consulente, e quindi sceglie tra le alternative 1) e 2). I mercati sono oggettivamente complessi e il tempo e la volontà da dedicare alla cura diretta dei propri risparmi e finanza personale sono percepiti come eccessivi in rapporto alle proprie disponibilità e capacità. In sostanza, centinaia di milioni di investitori in giro per il mondo rinunciano istintivamente al fai-da-te: sono disposti a pagare costi di consulenza (impliciti o espliciti) elevati pur di delegare a soggetti formalmente professionali (ancorchè fortemente diseguali sotto il profilo del valore aggiunto) le scelte sui propri capitali, piccoli o grandi che siano. 
Purtroppo, la complessità dei mercati finanziari è tale da indebolire il ruolo dei cosiddetti esperti. La gestione dei risparmi (propri o di altri) si differenzia notevolmente da altre attività umane in cui esiste oggettivamente una forte differenza nei risultati ottenibili tra chi ha esperienza o chi non ne ha. Se qualcuno di voi dopo aver preso qualche lezione di tennis decidesse di sfidare Rafael Nadal o Roger Federer sul campo, avrebbe una probabilità su un milione di batterli sul campo. Se voleste realizzare una copia della Pietà di Michelangelo con martello e scalpello, non riuscireste a fare un lavoro migliore di quello di uno scultore professionista. 
Sui mercati finanziari è completamente diverso: vari studi e contest di Borsa mostrano che una scimmia bendata ha probabilità sorprendentemente alte di battere i gestori professionali nella selezione degli investimenti più remunerativi in un determinato arco temporale. Nelle otto edizioni di Caccia al Toro, la gara tra gestori professionali pubblicata ogni sabato su Plus24, la scimmia bendata (portafoglio casuale Monte Carlo) ha prevalso sui concorrenti nel 47% dei tentativi di selezione tra i titoli dell’indice Euro Stoxx.
Dall’altra parte, tranne che nel caso dei consulenti finanziari fee-only, la delega a professionisti della gestione dei propri investimenti comporta l’accettazione del conflitto di interessi nel quale essi operano, pur tenendo conto dei vincoli normativi che puntano a eliminarne gli effetti.
La soluzione fai-da-te può legittimamente piacere, ma richiede, è bene saperlo ex-ante, una buona preparazione finanziaria e una notevole autodisciplina continuativa per poter essere perseguita in modo ottimale. Il fai-da-te inconsapevole (o ingenuamente avido) ha fatto danni enormi nelle tasche dei risparmiatori italiani; per esempio, di quelli che autonomamente hanno scelto bond Argentina, Cirio e Parmalat per metà del proprio portafoglio. L'offerta di
YouInvest vi consente di operare da soli dotandovi della preparazione e dell’autodisciplina continuativa necessaria. 

Stampa Crea Pdf Invia Rss

ISCRIVITI ADESSO

Se siete interessati alla formazione per investitori privati, la soluzione che potete acquistare è...
Clicca quì
ISCRIVITI ADESSO

Se siete interessati alla formazione per investitori privati, la soluzione che potete acquistare è il Toolbox.